Melanzane fritte: ricetta e trucchi per friggerle in tre modi

Se ti piace questo articolo condividilo!

Le melanzane fritte sono un contorno ideale per i mesi estivi, se non altro per via della limitata disponibilità di queste verdure che si trovano appunto solo per pochi mesi in estate.

Le melanzane fritte si preparano quasi sempre per preparare poi la parmigiana ma in realtà sono ottime anche da sole, per accompagnare un secondo o come contorno dopo la pasta o anche come riempimento per un panino golosissimo.

Come per tutte le fritture, si possono preparare in diversi modi anche se il più classico è quello con la panura a base di farina, la stessa che si utilizza per preparare le melanzane alla parmigiana; si possono però preparare anche con pangrattato o senza panatura.

Uno dei problemi quando si friggono le melanzane è evitare che queste assorbano troppo olio; infatti la melanzana è un ortaggio estremamente poroso che tende ad assorbire tutti i liquidi con cui viene a contatto e in frittura il rischio che l’olio venga assorbito rendendo le melanzane unte e pesanti è altissimo.

Come evitare che le melanzane fritte siano inzuppate di olio?

  1. Tagliare le melanzane a fette non eccessivamente sottili: in questo modo l’olio avrà modo di distribuirsi più uniformemente e le melanzane non si inzupperanno eccessivamente in frittura;
  2. Mettere sotto sale le melanzane per un paio di ore: in questo modo l’acqua in eccesso presente nell’ortaggio si asciugherà e la melanzana sarà meno porosa e dunque assorbirà meno olio del normale;
  3. Usare olio di semi di arachidi oppure olio di oliva, meno grassi e più performanti quando si tratta di friggere verdure;
  4. Portare l’olio alla giusta temperatura ovvero a massimo 180°C (si può usare un termometro da cucina tipo questo per misurare la temperatura): in questo modo in frittura le melanzane non avranno tempo di “bollire” nell’olio ma si doreranno quasi immediatamente all’esterno e si cuoceranno perfettamente anche all’esterno, seguendo lo stesso principio del tempura giapponese;
  5. Mai salare le melanzane prima della cottura perché il sale porta in superficie l’acqua all’interno degli alimenti e, dunque, la crosticina formata grazie alla panatura si staccherà e le melanzane diventeranno unte e troppo molli;
  6. Friggere poche melanzane alla volta così da evitare che non abbiano spazio per muoversi: se non hanno spazio, la crosticina esterna non si formerà e le melanzane si riempiranno di olio, che penetrerà proprio a causa dell’assenza della crosta esterna.

Passiamo adesso alla ricetta delle melanzane fritte che ti propongo nella versione classica ovvero farina e uova e in due varianti ovvero con la farina e con uova e pangrattato.

Ingredienti per 4 persone

  • 300 grammi melanzane
  • 2 uova
  • Farina
  • Olio di semi o di oliva
  • Sale
  • Pepe

Procedimento

  1. Dopo aver tagliato le melanzane a fette e averle lasciate riposare per almeno un’ora sotto sale, scolarle e sciacquarle eliminando tutta l’acqua in eccesso;
  2. Sbattere le uova in una ciotola aggiungendo un pizzico di pepe;
  3. Scaldare l’olio e portarlo ad una temperatura di 180°;
  4. Passare le fette di melanzane nelle uova sbattute, quindi nella farina;
  5. Quando l’olio è caldo, friggere le melanzane nell’olio caldo un po’ alla volta, toglierle e scolarle su carta assorbente oppure su una gratella;
  6. Cospargere di sale al bisogno e servire, calde o tiepide.

tempistiche

Tempo di preparazione: 45 minuti

Tempo di cottura: 10 minuti

Tempo totale: 55 minuti

Melanzane fritte: variante con pangrattato

Per preparare le melanzane fritte con il pangrattato, sostituisci la farina con il pangrattato nella ricetta sopra. Segui poi i seguenti passaggi:

Dopo aver tagliato le melanzane a fette e averle lasciate riposare per almeno un’ora sotto sale, scolarle e sciacquarle eliminando tutta l’acqua in eccesso;

  1. Sbattere le uova in una ciotola aggiungendo un pizzico di pepe;
  2. Scaldare l’olio e portarlo ad una temperatura di 180°;
  3. Passare le fette di melanzane nelle uova sbattute, quindi nel pangrattato;
  4. Quando l’olio è caldo, friggere le melanzane nell’olio caldo un po’ alla volta, toglierle e scolarle su carta assorbente oppure su una gratella;
  5. Cospargere di sale al bisogno e servire, calde o tiepide.

Melanzane fritte: variante con farina senza uova

Per preparare le melanzane fritte con farina e uova ti servono, considerando sempre 4 persone, 300 grammi di melanzane, farina, olio di semi o di oliva, sale e pepe.

E devi seguire questo procedimento

  1. Dopo aver tagliato le melanzane a fette e averle lasciate riposare per almeno un’ora sotto sale, scolarle e sciacquarle eliminando tutta l’acqua in eccesso;
  2. Scaldare l’olio e portarlo ad una temperatura di 180°;
  3. Passare le fette di melanzane nella farina;
  4. Quando l’olio è caldo, friggere le melanzane nell’olio caldo un po’ alla volta, toglierle e scolarle su carta assorbente oppure su una gratella;
  5. Cospargere di sale al bisogno e servire, calde o tiepide.

Melanzane fritte: altri consigli utili

  1. Una volta fritte, le melanzane vanno consumate nel giro di qualche ora per evitare che l’olio le ammorbidisca troppo;
  2. La ricetta di queste melanzane fritte è la base per la pasta alla Norma;
  3. Puoi aromatizzare le tue melanzane aggiungendo all’impasto delle spezie o delle erbette.

Scopri tante altre ricette semplici e sfiziose con le melanzane

Se ti piace questo articolo condividilo!
Vota questo post

Categorie: Ricette antipasti sfiziosi, Ricette contorni, Ricette estive, Ricette melanzane, Ricette sfiziose, Ricette siciliane, Ricette vegetariane, Trucchi e consigli
Articolo scritto da Veruska Anconitano aka La Cuochina Sopraffina
Iscriviti alla newsletter e ricevi contenuti esclusivi via email

Socializziamo

Questo sito usa cookies. Visitandolo accetti la Privacy / Cookie policy