Home
Facebook Instagram Newsletter

Castagnole Morbide Fritte e al Forno

Preparare le castagnole morbidissime è un sogno per molti di quelli che si cimentano con la cucina di casa: siccome si tratta di un lievitato a bassa lievitazione, il rischio che il risultato finale non sia come quello che pensavamo fosse è altissimo.

Preparare le castagnole è però un imperativo categorico durante il periodo di Carnevale visto che questi dolci insieme alle frappe, ai krapfen, al migliaccio, alle frittelle e a tanti altri dolci sono tipici e immancabili sulle nostre tavole.

Le castagnole sono una ricetta tradizionale del Carnevale e come tale ne esistono innumerevoli varianti, che dipendono dalla propria zona di appartenenza e anche dal proprio gusto personale: tutte hanno in comune l’impasto a base di farina, uova e zucchero, e la forma arrotondata, proprio come delle piccole castagne.

Come fare le castagnole morbide?

Ma come si fa ad ottenere delle castagnole morbidissime, in grado di resistere qualche giorno dopo essere state fritte o cotte in forno? Esistono dei segreti per preparare le castagnole più morbide in assoluto, quelle che fanno venire voglia di mangiarne una dopo l’altra?

La prima cosa da fare è prendersi cura dell’impasto che deve essere non eccessivamente morbido né eccessivamente liquido e, soprattutto, deve essere arioso in modo tale che in cottura le castagnole si gonfino perfettamente.

Altro elemento fondamentale è la frittura: l’olio deve essere portato ad una temperatura massima di 170°C in modo tale che le palline vengano cotte perfettamente sia all’esterno che all’interno e che si gonfino senza inzupparsi in cottura. Una volta tuffate le castagnole al suo interno, la fiamma va abbassata in modo che le castagnole cuociano lentamente e rimangano morbide all’interno e croccanti e dorate all’esterno.

Per preparare delle castagnole morbidissime molti utilizzano del burro ma il risultato finale potrebbe non essere affatto buono: il burro appesantisce molto l’impasto e il rischio che in cottura le frittelle si abbassino e non crescano è altissimo. Meglio puntare sugli ingredienti classici e lavorarli per bene in modo che si gonfino.

Esistono due ricette diverse per le castagnole: le classiche al cucchiaio e quelle lavorate con la planetaria come se l’impasto fosse una frolla. Nel primo caso, l’impasto si lavora dentro una ciotola ed è morbido per cui verrà trasferito dentro l’olio bollente usando un cucchiaio (per il procedimento completo puoi leggere la nosytra ricetta) mentre nel secondo caso, l’impasto è preparato con una planetaria, risulta più fermo e le palline vengono tagliate usando un coltello e poi formate con le mani prima di essere fritte.

Vuoi sapere il segreto in più per la ricetta delle castagnole morbide?

La ricotta! Basta aggiungere un cucchiaio di ricotta all’impasto di base e le castagnole si gonfieranno ancora di più restando morbidissime sia dopo la cottura che per qualche giorno a seguire.

Il secondo segreto in più per ottenere delle castagnole morbidissime?

Aggiungere poco yogurt greco e senza zucchero all’impasto!

Non ci credi? Segui la nostra ricetta e otterrai delle castagnole morbide davvero uniche e buonissime, da fare e rifare.

La ricetta che ti proponiamo è quella delle castagnole morbide fritte, sotto la quale troverai la variante per prepararle al forno: in frittura non affrettare mai i tempi altrimenti le tue castagnole saranno cotte fuori e crude dentro. Allo stesso modo, non aumentare la temperatura del forno in maniera sproporzionata per velocizzare il processo, altrimenti le tue castagnole non potranno cuocersi perfettamente all’interno.

Ingredienti per per una ciotola media

  • 500 grammi di farina
  • 2 uova
  • 1 bicchiere di latte
  • 1 cucchiaio di yogurt greco
  • 3 cucchiai di ricotta vaccina
  • 200 grammi di zucchero
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bicchierino di sambuca
  • 1 litro di olio di semi per friggere
  • zucchero semolato o a velo per spolverare

Procedimento

  1. Lavorare le uova, lo zucchero, il latte e la ricotta con una frusta per ottenere un impasto morbido quindi aggiungere metà farina e iniziare a sbattere sempre con la frusta; lavorare il composto fino a quando non sarà morbido e liscio quindi aggiungere la sambuca e iniziare a sbattere con lo sbattitore;
  2. Unire il lievito, la farina restante, il pizzico di sale e sbattere per bene;
  3. Lasciar riposare l'impasto per il tempo necessario a far scaldare l'olio in una pentola abbastanza grande e con i bordi alti quindi prendere un cucchiaino, riempirlo di pastella e con un altro cucchiaino colarlo nell'olio caldo;
  4. Quando le castagnole inizieranno a prendere colore girarle, lasciarle dorare e scolarle mettendole ad asciugare sulla carta assorbente. Per la cottura finale impiegheranno un totale di 3-4 minuti al massimo;
  5. Trasferire le castagnole dentro una ciotola e spolverare con zucchero semolato quindi lasciare raffreddare e mangiare.

tempistiche

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 4 minuti

Tempo totale: 24 minuti

Come preparare le castagnole morbidissime al forno

Se preferisci la cottura al forno rispetto alla frittura, devi modificare leggermente la ricetta per fare in modo che l’impasto sia più compatto e possa essere lavorato con le mani.

Gli ingredienti restano gli stessi che hai usato per preparare le castagnole fritte eliminando il latte in modo che l’impasto sia meno liquido. Una volta preparato l’impasto, basta formare delle piccole palline con le mani infarinate, disporle su una leccarda rivestita di carta forno. Infornale in forno già caldo a 180°C, lasciandole cuocere per massimo 10 minuti in modo che non si secchino.

Impiegherai qualche minuto in più per la cottura delle castagnole al forno rispetto a quelle fritte, ma il risultato sarà eccellente!

Se ti piace questo articolo condividilo!
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Pinterest
Informazioni sull'autore
Veruska Anconitano
Veruska è una giornalista di viaggi enogastronomici premiata come Best Food Travel Journalist. Sommelier, oltre a cucinare e viaggiare è spesso chiamata a raccontare la sua esperienza durante eventi e seminari.
Website Linkedin Twitter
150 persone hanno votato, media voti: 4.47. Vota anche tu!

Iscriviti alla newsletter e ricevi contenuti esclusivi via email

Questo sito usa cookies. Visitandolo accetti la Privacy / Cookie policy