Home
Facebook Instagram Newsletter

Maritozzi con la Panna Ricetta Originale Romana

La ricetta dei maritozzi con la panna è tipica di Roma e provincia, una ricetta che si tramanda da generazione a generazione e che piace davvero a tutti, grandi e piccoli.

I maritozzi non sono altro che delle brioche farcite con uvetta, aromatizzate leggermente con cedro o arancio, molto lievitate e soprattutto farcite al centro con panna montata freschissima.

Vengono abitualmente consumati a colazione ma in realtà non esiste un momento unico della giornata per addentare un buon maritozzo con la panna ed essere felici, specie se lo si accompagna con un caffè.

La ricetta dei maritozzi con la panna non è di quelle semplicissime e velocissime da preparare: per ottenere un buon risultato l’impasto deve essere preparato seguendo tutte le regole del caso e, soprattutto, lasciato lievitare per un tempo davvero lungo. Si arriva infatti alle 9-10 ore di sola lievitazione, per fare in modo che la pasta sia morbida e non sia pesante.

Tradizionalmente si usa la classica farina 00 ma noi da sempre preferiamo 0+Manitoba perché le due farine garantiscono all’impasto di crescere correttamente e non appesantire.

L’importanza della panna nei maritozzi

Oltre all’impasto, è fondamentale usare una panna di ottima qualità: noi prediligiamo quella fresca da montare, senza zucchero e senza nessun aroma. Totalmente scorretto usare la panna vegetale e anche la panna a lunga conservazione, così come va evitata del tutto la panna spray perché la consistenza non è adeguata ai maritozzi ed è anche troppo zuccherata. Il segreto per dei maritozzi con la panna perfetti è una panna montata molto ferma, bianca e che può essere spalmata con una spatola. Potete mettere la vostra panna in congelatore per qualche minuto una volta montata, in modo che si solidifichi leggermente. Per montare al meglio la panna vi consigliamo di usare una ciotola in vetro o alluminio fredda e delle fruste fredde di frigorifero.

Di seguito la ricetta per dei maritozzi romani tradizionali e classici, con tanta panna e l’uvetta. Sotto la ricetta tanti consigli per dei maritozzi davvero incredibili e buonissimi.

Ingredienti per 8-10 medi

  • 200 grammi di farina 0
  • 100 grammi di farina Manitoba
  • 25 grammi di lievito di birra fresco
  • 60 grammi di zucchero semolato
  • 80 grammi di uvetta
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 50 grammi di cedro candito
  • sale
  • burro

Procedimento

  1. Impastare 50 grammi di farina 00 con il lievito sciolto in poca acqua tiepida. Formare un panetto piuttosto morbido, coprirlo con un panno di cotone e lasciarlo lievitare in un luogo tiepido per circa 30 minuti;
  2. Setacciare le due farine rimaste e sistemarle a fontana su un piano duro; aggiungere una presa di sale, 40 grammi di zucchero, l'olio e la pasta precedentemente lievitata e lavorare con cura, portando la farina dall'esterno verso l'interno fino a quando non sarà completamente assorbita;
  3. Una volta che l'impasto sarà pronto e morbido, coprirlo e farlo lievitare per almeno 3 ore in un luogo tiepido;
  4. Trasferire di nuovo l'impasto sul piano di lavoro infarinato e lavorarlo brevemente aggiungendo il cedro e l'uvetta ammollata e strizzata;
  5. Ricavare dei panini ovali della grandezza desiderata, schiacciarli leggermente e sistemarli su una teglia imburrata. Lasciar lievitare per altre 6 ore;
  6. Trascorse le 6 ore, cospargerli con lo zucchero rimasto e infornarli a 200°C per circa 15 minuti;
  7. Lasciar intiepidire in forno spento ma caldo, con lo sportello aperto. Sfornare del tutto, lasciar raffreddare, quindi praticare un'incisione verticale e farcire con panna fresca appena montata.

tempistiche

Tempo di preparazione: 10 ore

Tempo di cottura: 15 minuti

Tempo totale: 10.3 ore

Maritozzi con la panna: trucchi e segreti

  • La farina deve essere forte altrimenti non riuscirà a lievitare correttamente; la 0 è da prediligere tra quelle industriali, mescolata con della manitoba, oppure per un risultato più professionale consigliouna farina con forza di almeno W320.
  • Il lievito da usare può essere quello fresco o quello disidratato, ma io consiglio sempre il fresco;
  • La lievitazione è fondamentale: è consigliabile lasciar lievitare l’impasto pizza dalle 6 alle 8 ore, in modo che si ammorbidisca e si formino le bolle;
  • La fase di “incordatura” ovvero il momento in cui l’impasto va fatto rinvenire dopo la lievitazione, può essere fatto a mano oppure con un’impastatrice usando la frusta K.

Consigli per i tuoi maritozzi con la panna

  • Una volta lievitati, i maritozzi possono essere surgelati: sistemali su una teglia, metti la teglia in congelatore e una volta che tutti i panetti sono congelati, spostali dalla teglia dentro una o più buste per congelamento. In questo modo potrai prendere uno alla volta, senza rompere gli altri;
  • Per preparare dei maritozzi senza glutine, basta usare lo stesso procedimento usando un mix di farine senza glutine di base o ancora meglio un mix di due farine, mais e riso;
  • Il procedimento è lungo ma può essere snellito e velocizzato facendo lievitare i maritozzi la seconda volta solo per un paio di ore, considerando che verranno meno alti e gonfi;
  • I maritozzi si mantengono per bene, al riparo da luce e umidità, per un paio di giorni senza panna ovviamente. Se volete potete congelarli prima di farcirli ma una volta riempiti di panna vanno mangiati entro un massimo di 2-3 ore.

Varianti ai maritozzi classici

  • Per aromatizzare il vostro panino, potete usare anche scorze di arancia o vaniglia naturale. Non usate mai vanillina, perché oltre ad essere chimica altera seriamente il sapore dei maritozzi;
  • Potete aggiungere pinoli all’impasto: non si tratterebbe più della ricetta originale romana, ma è un aggiunta che funziona e rende i maritozzi ancora più particolari;
  • La farcitura deve essere rigorosamente a base di panna montata fresca: potete cedere alla tentazione di usare crema pasticciera molto ferma o crema al mascarpone, ma siamo nel campo della sperimentazione e dunque non possiamo più parlare di maritozzi.

Articolo scritto da Veruska Anconitano aka La Cuochina Sopraffina. Se vuoi più informazioni contattaci.

Se ti piace questo articolo condividilo!
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Pinterest
135 persone hanno votato, media voti: 4.56. Vota anche tu!

Iscriviti alla newsletter e ricevi contenuti esclusivi via email

Questo sito usa cookies. Visitandolo accetti la Privacy / Cookie policy