Home
Facebook Instagram Newsletter

Visitare Dublino a San Patrizio 2020: la guida definitiva

Stai pensando di organizzare un viaggio a Dublino a San Patrizio e non sai da che parte cominciare? Ti veniamo in aiuto noi che a Dublino viviamo e possiamo consigliarti al meglio cosa fare, dove andare e come organizzarti per vivere la festa di San Patrizio al meglio.

Dublino viene presa letteralmente d’assalto a San Patrizio e vedere la città con calma e con i ritmi che ci sono di solito, ovvero molto calmi e rilassati, potrebbe essere difficile; detto questo, sicuramente San Patrizio a Dublino è un’esperienza da fare almeno una volta nella vita.

Molto sulla festa abbiamo già scritto QUI ma se vuoi visitare Dublino a San Patrizio ecco tutto quello che devi sapere.

Puoi usare il menù di seguito per passare da un argomento all’altro oppure continuare a leggere per tutte le informazioni più aggiornate.

San Patrizio: quando e perché

San Patrizio si festeggia sempre e solo il 17 marzo, ogni anno. La festa vera e propria, che coincide con la parata, viene preceduta e seguita da tutta una serie di eventi che fanno parte del St. Patrick’s Festival e sono adatti sia ai grandi che ai piccoli; molti eventi sono su prenotazione o a pagamento.

Si festeggia il 17 marzo, data di morte di San Patrizio (patrono d’Irlanda) morto nel 461.

Arrivare a Dublino per San Patrizio

Dall’Italia puoi arrivare a Dublino in millemila modi: Ryanair e AerLingus sono le due compagnie principali che volano dirette sull’Irlanda da molte città italiane. Per risparmiare, specie se prenoti all’ultimo minuto, puoi scegliere di fare scalo a Londra, Bruxelles o Francoforte.

Dall’aeroporto al centro di Dublino

L’aeroporto di Dublino dista pochi chilometri dal centro della città che si raggiunge in diversi modi:

  • Taxi: circa 20 euro per una corsa di massimo 30 minuti;
  • Autobus: i numeri 16, 41 e 102 sono i bus che portano in centro impiegando dai 45 minuti ad 1 ora;
  • Airlink 747 e 757: il collegamento rapido che porta dall’aeroporto al centro di Dublino. 6 euro solo l’andata, 10 euro andata e ritorno;
  • Aircoach: il collegamento super rapido che porta dall’aeroporto al centro di Dublino. Prendi il 700 e spenderai 7 euro per la sola andata e 12 euro per andata e ritorno.

San Patrizio a Dublino: dove dormire

La scelta di posti dove dormire a Dublino per San Patrizio è vastissima ma la città è diventata abbastanza cara negli ultimi anni e questo significa che per il 17 marzo i prezzi si alzano ancora di più.

Non è difficile trovare le classiche trappole per turisti ovvero hotel venduti a caro prezzo che invece non meritano il prezzo pagato per cui il consiglio è solo uno: prenotare in anticipo e cercare di prenotare in zone non troppo centrali.

Leggi i nostri consigli su dove dormire in centro a Dublino senza spendere troppo.

Da evitare sicuramente la zona di Temple Bar che, nonostante sia comoda, è anche la più chiassosa in assoluto e preferire invece le Quays verso Grand Canal Dock, Ballsbridge e le zone circostanti per spostarsi poi in taxi oppure con i mezzi pubblici o a piedi.

Per prenotare ti consigliamo Booking.com perché hai la possibilità non solo di vedere le foto e le recensioni dei clienti ma anche di prenotare e pagare all’arrivo.

Per esperienza personale ci sentiamo di consigliarti le seguenti strutture per posizione e rapporto qualità/prezzo:

Muoversi dentro Dublino a San Patrizio

Anche se al turista San Patrizio appare come una festa dove tutto si ferma, in realtà tutto vive e vive ancor più degli altri giorni. I mezzi pubblici passano, magari deviati ma passano sempre, e i taxi circolano. Un ottimo modo per spostarsi, se non ami camminare, è con la LUAS che collega Nord e Sud di Dublino (linee verde e rossa) oppure con gli autobus a due piani che coprono centro e periferia. La DART collega Dublino alla costa ma se stai meditando di trascorrere i tuoi giorni solo a Dublino non ne avrai bisogno.

Se pensi di usare molto i mezzi pubblici acquista, all’arrivo in aeroporto, una LEAP Visitor Card che potrai caricare e scannerizzare ogni volta che salirai su un autobus o sulla LUAS e il cui credito andrà ad esaurirsi man mano che la userai.

Se ti muoverai in taxi, scarica l’app di FreeNow che ti permetterà di chiamare un taxi in qualunque parte della città senza dover fare nessuna fatica: ti basterà aprire l’app e seguire le istruzioni e il tuo tassista, certificato, arriverà e ti prenderà anche in mezzo alla bolgia.

Non sognarti di muoverti in macchina sia perché la guida a destra può causarti problemi sia perché è difficile trovare parcheggio sia perché a San Patrizio c’è talmente tanto caos che rischieresti di restare intrappolato per ore.

Cosa vedere a Dublino a San Patrizio?

Se sei a Dublino per San Patrizio, queste sono le cose che non puoi perderti. Clicca sul nome del posto per essere indirizzato direttamente su Google Maps e vedere la posizione di ogni luogo consigliato:

  1. Guinness Storehouse: immancabile, l’attrazione più visitata d’Irlanda e anche d’Europa. Nel periodo di San Patrizio viene presa d’assalto per cui ti consiglio di prenotare la visita in anticipo per evitare di perdere troppo tempo in coda. LEGGI la recensione con tutti i consigli;
  2. Trinity College: uno dei college più antichi d’Europa con la sua Old Library e il Book of Kells. File chilometriche, organizzati in tempo;
  3. Christchurch Cathedral: la cattedrale nel cuore della città medievale. Una tappa imperdibile;
  4. Saint Patrick Cathedral: la chiesta “ufficiale” di Dublino, piena fino al midollo durante il festival di San Patrizio ma imperdibile in special modo il suo giardino;
  5. General Post Office: il luogo da cui iniziò la rivoluzione irlandese per l’indipendenza, un luogo culto;
  6. Molly Malone: la statua più famosa di Dublino alla quale toccare il seno per sperare nella buona sorte;
  7. Dublin Castle: un punto verde dentro il centro di Dublino con la sua Chester Beatty Library, luogo imperdibile e spesso neanche raggiunto dai turisti;
  8. Docklands: la Dublino non turistica, quella che io amo e che i turisti si dimenticano di salutare o che, se salutano, lo fanno solo per la foto ricordo di fronte a Facebook o a Google;
  9. Grafton Street: una passeggiata nella zona più famosa di Dublino per arrivare a St. Stephen’s Green;
  10. O’Connell Bridge ed Henry Street: il ponte più largo e più corto d’Europa ti condurrà sulla strada dei negozi di Dublino;
  11. Temple Bar: sebbene sia una zona solo ed esclusivamente turistica, un passaggio è obbligatorio. Non dimenticarti di Ha Penny Bridge!

Se hai qualche giorno in più allora ti consigliamo, sempre in città:

  1. Phoenix Park, il parco più grande d’Europa;
  2. Kilmainham gaol, la ex prigione di Dublino.

Se poi vuoi uscire da Dublino allora non possiamo che consigliarti:

  1. Howth;
  2. Bray & Greystones;
  3. Glendalough.

I pub imperdibili se sei a Dublino a San Patrizio

Dublino = pub. Lo sai che si dice ci siano almeno 365 pub in tutta Dublino tanto che servirebbe almeno 1 anno per visitarli tutti? In realtà di pub ce ne sono anche di più e se il turista medio si ferma a quelli più conosciuti, i più belli sono quelli lontani dal turismo, appunto.

Se sei a Dublino per San Patrizio dobbiamo avvisarti perché troverai caos ovunque ma l’esperienza del pub è imprescindibile quindi ecco per te 6 pub che non puoi perderti in centro (clicca sul nome per vedere la posizione):

  1. Temple Bar: il più famoso, dentro il quartiere dei Temple Bar. Estremamente turistico ma non per questo meno bello e con musica da mattina a notte fonda;
  2. O’Donoghue’s: famoso sia tra i turisti che tra la gente del posto, si divide in due zone ed è costantemente pieno ma l’atmosfera è davvero incredibile;
  3. The Celt: come sopra ma l’ambiente è più spartano e si mangia anche;
  4. Kehoe’s: piccolissimo al punto che la pinta, spesso, si beve in strada;
  5. The Cobblestone: fuori dal centro, riportato su qualsiasi guida turistica. La musica è sempre il plus e la birra costa meno che in centro;
  6. Oliver St. John Gogarty: istituzione di Temple Bar. Sali al secondo piano per la music live fino a notte fonda che ripaga il prezzo non proprio bassissimo delle pinte.

La parata di San Patrizio a Dublino

Tutto quello che devi sapere sulla parata di San Patrizio lo trovi QUA, foto comprese. Puoi scaricare la mappa con il percorso cliccando sull’immagine di seguito e ricordati che sono disponibili biglietti per i posti seduti:

Mappa Parata San Patrizio Dublino

Come vestirsi a Dublino a marzo per San Patrizio?

Il tempo a Dublino è abbastanza imprevedibile (qualche anno fa a San Patrizio nevicò!) quindi ti consigliamo la cara vecchia metodologia del “vestirsi a strati” che significa non solo prevedere una giacca impermeabile e con il cappuccio ma anche una felpa con la zip e una maglietta a maniche corte sotto, che non si sa mai. Ai piedi stivali o scarpe da ginnastica o, ancora meglio, un paio di scarponcini da montagna.

Da non dimenticare mai e poi mai uno scialle, anche di cotone, e un cappello. Lascia stare l’ombrello che non solo non ti servirà ma potrebbe addirittura essere di intralcio sia a te che guardi la parata che a chi la sta guardando accanto a te. E non dimenticare di indossare qualcosa di verde e lasciarti andare all’euforia del San Patrizio tra balli, canti e divertimento assicurato!

Tour da Dublino e a Dublino

Se sarai a Dublino per qualche giorno durante i festeggiamenti di San Patrizio, potresti avere voglia di vedere anche altro dell’Irlanda o di prenotare tour specifici a Dublino. Questi sono i tour che consigliamo personalmente e che possono essere prenotati online con un click e a prezzi speciali:

Dopo aver letto tutta la nostra guida su Dublino a San Patrizio non possiamo che augurarti buon viaggio!

Stai cercando tour personalizzati, idee di viaggio o dei consigli per visitare Dublino o l’Irlanda tutta? Contattaci via email e saremo felici di rispondere alle tue domande. Ci trovi anche su InstagramFacebook, e YouTube.

[In questo articolo sono presenti collegamenti esterni con uno speciale codice di tracciamento. Ciò significa che potremmo ricevere una piccola commissione (senza alcun costo aggiuntivo per te) se acquisti qualcosa tramite questi link]

Se ti piace questo articolo condividilo!
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Pinterest
Informazioni sull'autore
Veruska Anconitano
Veruska è content marketer e digital strategist. E' anche una giornalista iscritta all'ODG, premiata come World Best Food Travel Journalist e membro della British Guild of Travel Writers. E' diplomata come sommelier. E' la co-fondatrice di TheFoodellers e di altri siti.
Website Linkedin Twitter
150 persone hanno votato, media voti: 4.56. Vota anche tu!

Iscriviti alla newsletter e ricevi contenuti esclusivi via email

Questo sito usa cookies. Visitandolo accetti la Privacy / Cookie policy