Home
Facebook Instagram Newsletter

21 Consigli Preziosi per il tuo Viaggio a Petra

Petra in Giordania è una delle Sette Meraviglie del Mondo ed è nella lista dei desideri di tutti coloro a cui piace viaggiare. La ragione è semplicissima: Petra è semplicemente fantastica e il fatto che è stata scelta come set per moltissimi film famosi la rende una meta ancora più attraente.

Quando abbiamo iniziato a pianificare il nostro viaggio in Giordania, abbiamo deciso fin da subito che non avremmo speso poche ore a Petra: volevamo immergerci in profondità in tutta la sua bellezza, assaporarne gli spazi, camminare ore e ore e lasciarci trasportare dagli eventi.

Ed è proprio quello che abbiamo fatto: abbiamo speso un giorno intero a Petra, da mattina presto al tramonto, abbiamo camminato per arrivare in luoghi nascosti e lontani dai turisti, abbiamo parlato con la gente del posto. Ci siamo stancati, è vero, ma siamo tornati più ricchi e con la consapevolezza di aver visto Petra in un modo davvero diverso rispetto alla maggior parte dei turisti.

E’ per questo che abbiamo deciso di raccogliere in questo articolo tutti i nostri consigli sulle cose fondamentali da sapere prima di visitare Petra La Città Perduta (anche chiamata La Città Rosa per via del colore delle rocce): se cerchi su Google, trovi un numero incredibile di articoli e tutti ti spiegano le stesse cose. Noi invece ti raccontiamo qualcosa in più, qualcosa che abbiamo imparato a Petra, cose che avremmo voluto sapere prima di partire per il nostro viaggio a Petra: lo scopo è permetterti di organizzare un viaggio nella Città Rosa che sia indimenticabile e unico.

Puoi selezionare i paragrafi che ti interessano usando il sommario di seguito ma ti suggeriamo di leggere tutto l’articolo perché abbiamo “nascosto” dei consigli su Petra in ogni paragrafo.

Cose da sapere per visitare la Città Perduta di Petra

Eccoci qua con la lista lunghissima delle cose da sapere su Petra e per visitare Petra: dai consigli di logistica all’abbigliamento migliori, i luoghi imperdibili, i percorsi da fare a piedi e tanto tanto altro.

Cos’è Petra

L’antica città di Petra è stata abitata fin dalla preistoria, ma fu sotto i Nabatei che divenne una città ricca e cosmopolita. Fu fondata nel 312 a.C. come capitale dei Nabatei fino al 100 d.C. quando i Romani la invasero e la fecero propria. Petra rimase sconosciuta al mondo occidentale fino al 1812 quando l’esploratore svizzero Johann Ludwig Burckhardt entrò nel Siq, scoprì il sito e portò la favola di Petra all’attenzione del mondo. Petra è stata nominata patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1985 e oggi è l’attrazione turistica più visitata della Giordania.

Come arrivare a Petra?

Petra si trova nella città di Wadi Musa, a 235 km da Amman, la capitale della Giordania.

Il modo migliore per arrivare a Petra è noleggiare un’auto: è possibile noleggiare l’auto all’aeroporto di Amman o direttamente in città. Ti consigliamo un viaggio in Giordania che non includa solo Petra perché il paese è semplicemente fantastico e Petra è solo uno dei suoi gioielli.

Puoi anche visitare Petra da Aqaba, nel caso in cui tu sia in vacanza sul Mar Rosso: Aqaba è a 126 km da Wadi Musa e la strada è davvero semplicissima.

Inoltre tutte le strade intorno a Wadi Musa sono ben segnalate, quindi davvero non è necessario preoccuparsi!

Se preferisci partecipare a un tour organizzato a Petra, hai davvero infinite possibilità da Amman e anche da Aqaba.

Questo Tour Privato di un giorno da Amman è solo uno dei monti disponibili in zona: dura 10 ore e include una visita guidata a Petra.

Questo Tour Privato di un giorno da Aqaba è perfetto per chi è in vacanza sul Mar Rosso, dalla parte della Giordania, e vuole trascorrere una giornata diversa.

Sono molti quelli che, in visita a Israele, decidono di fare una svolta e attraversare il confine solo per andare a Petra: nel caso tu sia uno di quelli, tieni a mente le regole e le leggi per evitare problemi.

Se sei in Israele e vuoi visitare Petra, questi sono alcuni dei tour che consigliamo:

Se sei ad Amman e vuoi avere un assaggio completo della Giordania, puoi anche scegliere questo viaggio di più giorni:

Se sei in Israele e vuoi visitare anche la Giordania, puoi anche partecipare a uno di questi viaggi di più giorni:

Quanto costa l’ingresso a Petra?

Visitare Petra è costoso: si pagano JD50 per un giorno, JD55 per due giorni, JD60 per tre o quattro giorni. Il prezzo si riferisce a giorni consecutivi, quindi supponiamo che tu abbia il pass di due giorni e decidi di visitare Petra di lunedì, avrai la possibilità di visitare nuovamente il sito archeologico martedì ma non mercoledì. I bambini sotto i 15 anni entrano gratis, così come i titolari del Jordan Pass, che è il modo migliore per visitare (quasi) tutti i siti in Giordania e, allo stesso tempo, non pagare il visto di ingresso, risparmiando una discreta somma di denaro.

Se non possiedi un Jordan Pass, puoi acquistare il tuo biglietto presso il Visitor Center: i biglietti sono datati, personalizzati e non trasferibili. Ricorda che esiste sempre la possibilità che un ranger del parco chieda di vedere il tuo biglietto (o il Pass), quindi assicurati di non perderlo.

Consigliamo vivamente di acquistare il Jordan Pass per i motivi sopra indicati: Petra è inclusa (il numero di giorni dipende dal Pass, come spiegato sopra) e così il costo del visto di ingresso.

Detto questo, pensiamo anche che il costo del biglietto d’ingresso non sia così scandaloso: Petra è una bellezza, deve essere preservata e noi onestamente paghiamo volentieri se i nostri soldi contribuiscono al mantenimento di tale tesoro.

Quali sono gli orari di apertura di Petra?

Il sito archeologico di Petra è aperto tutti i giorni dalle 6 alle 18 in estate e dalle 6 alle 16 in inverno. Il ritorno è consentito fino al tramonto. È vietato rimanere all’interno del sito archeologico dopo il tramonto per motivi di sicurezza ma anche perché tre giorni alla settimana viene organizzata Petra by Night che viene offerta ai visitatori ad un costo extra. Ne parleremo in dettaglio in un altro articolo.

Com’è il tempo a Petra?

Petra si trova in montagna, a circa 1100 metri sul livello del mare. In primavera e in autunno è caldo, in estate fa molto caldo durante il giorno, mentre in inverno a Petra può essere freddo e c’è un enorme sbalzo termico tra il giorno e la notte (pioggia e neve non sono rare).

Cosa succede se piove o nevica quando sono a Petra?

Se piove Petra rimane aperta ma alcuni dei siti più importanti e lontani vengono chiusi: la superficie delle rocce è estremamente scivolosa e può essere pericolosa. Se nevica, Petra chiude.

Noi siamo stati molto fortunati quando l’abbiamo visitata: il giorno in cui siamo andato il tempo è stato fantastico, il giorno seguente Petra è stata chiusa, così come alcuni giorni dopo, per via della neve.

Qual è la stagione migliore per visitare Petra?

Sulla base di quanto sopra, la primavera e l’autunno sembrano essere le stagioni migliori. Noi abbiamo avuto l’opportunità di visitare la zona sia in autunno che in inverno e consigliamo vivamente l’inverno: meno turisti, meno persone, tutto si organizza meglio. Unico inconveniente: se non sei fortunato come noi, può essere piovoso e la tua visita sarà sicuramente influenzata dalla pioggia.

Noi abbiamo adorato visitare Petra a gennaio … forse perché abbiamo avuto la fortuna di farlo con una giornata di sole?

Come vestirsi per visitare Petra?

Petra è un sogno per fotografi e aspiranti fotografi: abbiamo davvero visto tutto mentre visitavamo la città antica. Le persone interessate a vedere solo il Tesoro tendono ad indossare abiti, persino i tacchi per scattare foto perfette (lasciamo la definizione di perfetto per te).

Ma se come noi hai intenzione di visitare Petra davvero nella sua interezza, devi vestirsi in maniera adeguata.

Le scarpe da trekking sono obbligatorie per esplorare Petra, non importa quanto lontano vuoi andare; pantaloni da trekking per uomo, leggings o pantaloni da trekking per donna, una maglietta e una felpa. Non dimenticare un cappello e una giacca antipioggia leggera. Non dimenticare una sciarpa!

Petra è un posto da sogno ma non è un posto dove vuoi farti male e non indossare un abbigliamento adeguato può causare problemi!

Ci sono posti dove mangiare e bere all’interno di Petra?

Qualche anno fa, a Petra non c’era letteralmente nulla: oggi puoi fermarti per bere un tè in una delle tante bancarelle gestite dai Beduini e puoi persino mangiare nel ristorante all’interno del sito, The Basin, che offre pranzo a buffet. L’acqua è disponibile ma costosa, quindi ricorda di portarti dietro una bottiglia.

Ci sono servizi igienici all’interno di Petra?

Petra è ben attrezzata con servizi igienici: ci sono servizi igienici in tutto il sito e quelli del ristorante The Basin sono abbastanza puliti. Se sei una donna, noterai che solo gli uomini possono pulire i bagni: è prassi comune in Giordania.

Quanto dura la passeggiata per arrivare a Petra?

Petra non è visibile da Wadi Musa o da nessun’altra parte. Il percorso tortuoso attraverso il Siq di Petra, quello che rivela il Tesoro, è lungo 1,2 km e ti occorreranno circa 20 minuti andando di corsa, 40 minuti se sei come noi e ti fermerai in continuazione per scattare foto.

Dopo i primi 1.2 Km, il Tesoro si aprirà in tutta la sua bellezza e inizierai a chiederti se questa è davvero la cosa migliore che tu abbia mai visto. Ma il Tesoro è solo una piccola parte di tutto ciò che Petra ha da offrire: più lontano cammini, migliore è lo scenario!

Ricorda: i turisti di norma si fermano al Tesoro e poi se ne vanno. Alcuni arrivano al Monastero e poi se ne vanno. Pochi decidono di visitare tutta Petra e sono queste le persone che si godono la Città Rosa davvero al meglio.

Noi abbiamo camminato e scalato per circa 7-8 ore, siamo andati in luoghi dove eravamo solo noi, ci siamo immersi completamente nella natura: sì, abbiamo adorato il Tesoro ma abbiamo amato ancora di più i luoghi remoti e le grotte! Abbiamo concluso la giornata con un totale di 26 km camminati!

Cavalcare un asino o un cammello a Petra: sì o no?

No, lo sconsigliamo del tutto: la gente del posto e le guide turistiche offrono ai turisti l’opportunità di cavalcare un cammello o un asino per vedere Petra senza camminare e sappiamo che per alcune persone questa cosa potrebbe essere molto allettante.

Le pratiche abusive con gli animali sono comuni e gli animali sono visibilmente esausti: qualcuno potrebbe sostenere che gli animali sono nati per trasportare cose persone e questo è parzialmente vero.

Ma questo succedeva per ovvi motivi nel passato quando gli animali venivano usati per trasportare merci e persone perché non c’era altro modo per farlo. Oggi le cose sono cambiate e gli animali non possono più essere usati come lavoratori (tranne che per cose speciali, come i cani poliziotti!): i compiti che questi animali svolgono possono essere stressanti, pericolosi e talvolta letali.

A Petra, questi animali sono sottoposti a stress enormi, sono maltrattati e visibilmente distrutti quindi no, non salire a dorso di cammello o asino.

È sicuro visitare Petra?

Petra e l’intera Giordania sono sicure e stabili. Non ci sono avvisi di viaggio contro Petra, quindi il consiglio più grande è prestare la stessa attenzione che si presta quando si viaggia in qualsiasi luogo del mondo. Ci sentiamo però di dirti di fare attenzione a cammelli e cavalli. I beduini si spostano dentro Petra su cammelli e cavalli e a volte non prestano attenzione ai visitatori e così fanno i visitatori: tieni gli occhi aperti!

Quando è meglio visitare Petra?

Prima arrivi a Petra e meglio è, non ci sono dubbi: noi abbiamo iniziato la nostra passeggiata alle 7.30 del mattino e siamo arrivati ​​al Tesoro quando c’erano già pochissime persone. I grandi tour di solito arrivano più tardi la mattina, quindi se puoi essere lì non appena il sito apre o poco dopo avrai l’intero sito più o meno per te e poche altre persone interessate non alle immagini per Instagram ma al luogo stesso.

Devo prendere una guida per visitare Petra?

Dipende dal tipo di viaggiatore che sei: se vuoi sentirti a tuo agio, allora prendi una guida.

Se vuoi essere libero e goderti Petra al tuo ritmo, fai a meno di una guida che è assolutamente superflua. Raccomandiamo personalmente di visitare Petra da soli: procurati una mappa, tieni a portata di Google Maps e non avrai alcun problema.

Quali sono i migliori posti dove scattare foto a Petra?

Questa antica meraviglia è uno dei luoghi più pittoreschi della Terra, senza alcun dubbio, e tutti vogliono portarsi a casa delle belle foto. Ecco perché non vogliamo mostrarti i migliori spot fotografici a Petra: ogni singolo angolo merita una foto, ogni singola scena merita di essere catturata. Tutto è così bello che è difficile scegliere i punti migliori.

Sappiamo che vorresti avere informazioni su come scattare foto del Tesoro dall’alto dal momento che questo è probabilmente lo scatto più famoso di Petra.

Non preoccuparti: non appena arriverai al Tesoro noterai una massa di persone salire in cima per arrivare alla vista tanto agognata e non dovrai fare altro che seguirle.

Alcuni beduini ne hanno fatto un business: chiedono soldi se vuoi fare una foto con la vista del Tesoro dall’alto ma ovviamente puoi rifiutare di pagare e scattarla lo stesso

Petra: cosa vedere assolutamente

Entrare nella città di Petra è come tornare indietro nel tempo e per questo motivo, Petra non può essere paragonata a nessun altro posto sulla Terra. Ti ritroverai a vagare e a fissare tutto ciò che troverai sulla tua strada, con gli occhi di un bambino. Queste sono le cose da non perdere a Petra:

As-Siq

As-Siq è l’accesso principale alla vecchia città di Petra: si è formata grazie a forze tettoniche che hanno letteralmente spaccato la montagna in due. Le acque provenienti dal “musa” si sono fatte largo lungo il Siq e nel corso del tempo ne hanno eroso gli angoli. Il percorso lungo il Siq è lungo 1,2 km e lungo tutto il percorso noterai delle nicchie votive. Quasi alla fine, la gola diventa scura per aprirsi sulla facciata del Tesoro.

Al-Khazneh (Tesoro)

Il Tesoro è stato progettato per stupire e l’effetto è immutato nel tempo: scavato nella roccia, è molto ben conservato anche grazie alla sua posizione, completamente protetto da vento e pioggia. I momenti della giornata migliori per vedere il Tesoro sono la mattina tra le 9 e le 11 e il pomeriggio tra le 5 e le 6: quando il sole si riflette sulla facciata, i colori sono semplicemente magnifici. 

Teatro Romano

Il progetto di base del Teatro è ellenistico ed è stato scavato nel fianco della montagna: a suo tempo, poteva ospitare fino a 8500 persone.

Tombe Reali

Situate sulla parte orientale, le tombe reali sono semplicemente magnifiche. Ci sono 7 tombe in totale, ma non è necessario conoscere i dettagli e i nomi: assicurati di prenderti del tempo per apprezzare l’architettura e i colori, che vanno dal rosso al blu al giallo. Sicuramente uno dei luoghi più suggestivi di Petra.

La strada delle colonne

Le colonne sono i resti dei vecchi mercati: c’è ancora molto da scavare e per questi gli scavi sono perennemente in corso. E’ un ottimo modo per capire quanto fosse magnifica questa città. 

Ad-Deir (Monastero)

Il Monastero è uno dei monumenti più belli di Petra ed è scolpito dentro un pezzo di montagna. Per arrivare al Monastero, devi salire 800 gradini, ma la vista sulla valle è gratificante e incredibile. Una volta arrivato, goditi una tazza di tè giordano e rilassati. Per tornare a Petra puoi solo fare la stessa strada fatta all’andata.

High Place of Sacrifice

L’High Place of Sacrifice è sicuramente un diversivo rispetto al percorso principale: noi siamo saliti da Wadi Farasa per avere una vista migliore e avere la possibilità di godere al meglio della valle e l’escursione vale sicuramente la pena. Lungo la strada, incontrerai diversi altri edifici scolpiti nelle montagne (Il Triclinio, il Monumento del Leone, ecc.), pochissimi turisti coraggiosi e pochissima gente del posto. Puoi anche arrivare in questo luogo partendo dalla strada principale, seguendo le indicazioni che si trovano tra il Teatro e la Strada delle Colonne: la strada è ripida ma fattibile.

Per fare il percorso dal Wadi Farasa che abbiamo fatto noi si impiegano circa 2.30 ore; per il percorso principale si impiegano 30-40 minuti al massimo.

Umm-Al-Biyara

L’escursione più difficile per raggiungere la montagna piatta che domina l’intera Petra. È un’escursione difficile, non si può negare, ma ne vale la pena. Salire i 1000 gradini può farti venire le vertigini per cui ti consigliamo di prendere il tempo necessario assicurandoti di raggiungere la cima prima del tramonto, altrimenti non sarà facile scendere.

Molte persone consigliano di percorrere questo sentiero solo se si è con una guida: di nuovo, dipende da te, ma con organizzazione, Google Maps e le mappe salvate per la consultazione offline, non avrai alcun problema.

Piccola Petra

Queste sono solo alcune delle cose da fare a Petra, ma sai che c’è un altro posto che puoi visitare prima, dopo o anche durante la tua visita a Petra? Si chiama Piccola Petra e si trova a circa 9 Km da Wadi Musa: è davvero la Petra più piccola, con meno turisti e meno affollata. Puoi anche decidere di entrare a Petra da Little Petra, ma il percorso lungo la montagna non è molto ben segnalato ed è meglio avere una guida se non hai tempo da perdere e non vuoi perderti.

Dove dormire a Petra

Nonostante sia così popolare (o probabilmente proprio perché è così popolare), ci sono pochissime sistemazioni a Petra che vale la pena menzionare. La maggior parte dei posti è costosa, sporca e per nulla confortevole, quindi ti consigliamo vivamente di pagare un po’ di più per una camera migliore in un hotel migliore anche se migliore non equivale a stratosferico.

La prima volta abbiamo alloggiato al Movenpick Resort: è considerata la prima scelta per i viaggiatori a Petra, dovrebbe essere “lussuoso” ma non lo è affatto. È solo un hotel nella media, costruito in una posizione straordinaria. La terrazza sul tetto è perfetta al tramonto.

La seconda volta abbiamo scelto il Petra Guest House Hotel perché la posizione è perfetta: si trova proprio accanto all’ingresso di Petra e offre un’ottima e abbondante colazione. Le camere sono piuttosto vecchie e necessitano di una sistemazione, ma abbiamo trovato questo hotel un buon compromesso dato che eravamo a Petra per goderci la Città Vecchia, non l’hotel.

Un grande vantaggio: parte del Petra Guest House Hotel è il Cave Bar, un pub ricavato dentro una tomba risalente a 2000 anni fa dove si può bere (anche birra locale) nonostante i prezzi siano eccessivi e mangiare qualcosa.

Dove mangiare a Petra

C’è moltissima scelta per mangiare a Petra: la maggior parte dei ristoranti serve cibo mediocre, ma cercando per bene si trovano ottimi posti dove mangiare qualcosa.

Noi siamo stati per entrambe le sere al Petra Night: si trova a 5 minuti dal centro visitatori di Petra e offre un menu tradizionale, con abbondanza di carne e mezze giordane. Ci sono piaciuti i due ambienti separati per fumatori e non fumatori, qualcosa di insolito per la Giordania in cui è consentito fumare ovunque (cosa molto fastidiosa per i non fumatori, specialmente a tavola). Il ristorante è gestito da due giovani e il cibo è fresco e locale.

Vale la pena visitare Petra?

Certamente! Petra vale il viaggio e la fatica, nonostante il cattivo odore dei cammelli e dei cavalli, i turisti di massa che si affollano per vedere il Tesoro e se ne vanno immediatamente e gli hotel costosi e non necessariamente per una ragione reale.

Petra by Night: vale la pena?

Se ti stai chiedendo se vale la pena prenotare la serata a Petra by Night o se è meglio trascorrere una serata in giro per Wadi Musa, leggi il nostro articolo:

Vale la pena visitare Petra by Night?

Petra è davvero incredibile e speriamo davvero che questo articolo ti abbia dato la voglia di prenotare il tuo viaggio in Giordania. Seguici su Instagram and scrivici se hai bisogno di ulteriori informazioni; iscriviti alla nostra newsletter per ricevere contenuti esclusivi in email!

[In questo articolo sono presenti collegamenti esterni con uno speciale codice di tracciamento. Ciò significa che potremmo ricevere una piccola commissione (senza alcun costo aggiuntivo per te) se acquisti qualcosa tramite questi link]

Se ti piace questo articolo condividilo!
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Pinterest
Informazioni sull'autore
Veruska Anconitano
Veruska è content marketer e digital strategist. E' anche una giornalista iscritta all'ODG, premiata come World Best Food Travel Journalist e membro della British Guild of Travel Writers. E' diplomata come sommelier. E' la co-fondatrice di TheFoodellers e di altri siti.
Website Linkedin Twitter
150 persone hanno votato, media voti: 4.47. Vota anche tu!

Iscriviti alla newsletter e ricevi contenuti esclusivi via email

Questo sito usa cookies. Visitandolo accetti la Privacy / Cookie policy