Pretzel, la ricetta originale per i filoncini tedeschi

Se ti piace questo articolo condividilo!

Visto che siamo in clima vacanze, non c’è niente di meglio di un classico della cucina tedesca per sentirci in vacanza anche se in vacanza magari non ci andiamo. Per farlo secondo me impastare è la cosa migliore specie se si ha intenzione di preparare i pretzel o, come nel mio caso, il pane-pretzel che altro non è che un pretzel non chiuso su sè stesso ma tagliato come filoncino. Favoloso da mangiare da solo, con o senza sale grosso aggiunto, è ottimo riempito fino a scoppiare di salumi (la spianata romana è la morte sua) o anche di marmellata. E’ in assoluto uno dei miei pani preferiti specialmente perché resta soffice e bianco e il bianco si infila tra le pieghe contrastando perfettamente con il marrone scuro della crosta. Dopo innumerevoli ricerche ho anche capito che pretzel è il nome europeo mentre in tedesco si chiamano Brezel e in polacco si chiamano Precel, tanto per la cronaca! 😀

Sebbene il classico pretzel sia attorcigliato a significare le braccia incrociate dei bambini in preghiera e sebbene il classico pretzel sia famoso anche per questa sua forma, secondo me la forma classica a sfilatino lo rende più versatile perché appunto si puo’ mangiare così com’è o anche farcito mentre il pretzel originale non si puo’ farcire e serve solo per “accompagnare”.

Il procedimento non è difficile ma è abbastanza lungo, il risultato è stupefacente e ripaga qualunque attesa; la particolarità di questo impasto è il passaggio in acqua che “sbianca” e aiuta a gonfiare la pasta in cottura e rendendola bianchissima (lo dice il libro Peter Reinhart’s artisan breads every day, mio ispiratore in questa avventura con il pane pretzel!).

La forma ricorda quella dei Mauricettes dai quali però questi panini si differenziano per l’assenza di latte nell’impasto e che sono sempre tipici dell’Alsazia.

Cosa serve per 6 filoncini
270 ml di acqua tiepida
3 cucchiai colmi di bicarbonato
50 grammi di burro ammorbidito
500 grammi di farina 0
25 grammi di lievito fresco
10 grammi di sale
10 grammi di zucchero

Come si fa
1. Versare la farina in una ciotola, praticare un buco al centro e versare il lievito di birra sbriciolato e lo zucchero. Aggiungere 50 ml di acqua tiepida estratti dal totale più circa 30-40 grammi di farina per ottenere un composto morbido e senza grumi. Mettere a lievitare in un luogo tiepido/caldo.
2. Mescolare la restante farina con il sale e aggiungerla all’impasto insieme al burro il burro. Impastare con le mani o con l’impastatrice fin quando il composto da unto e molto appiccicoso non diventa morbido e non si attacca più alle mani.
3. Lasciar lievitare 1 ora e mezza in un luogo tiepido/caldo quindi trasferire l’impasto su un piano infarinato in modo che lavorandolo non si attacchi alle mani. Dividere l’impasto in sei parti uguali dando loro la forma di un filoncino.
4. Trasferire ogni filoncino su un panno di cotone infarinato e lasciar lievitare per 30 minuti. Scaldare una pentola di acqua e, una volta arrivata a bollore e trascorsi i 30 minuti di lievitazione, aggiungere il bicarbonato. Calare due filoncini per volta nell’acqua e scottarli per una quarantina di secondi o comunque fin quando non diventano lucidi. Eliminare l’acqua in eccesso con uno straccio di cotone e cuocerli in forno a 220° circa su carta da forno (cosparsi o meno di sale, a gusto personale). Sfornarli quando sono bruni, metterli a raffreddare e mangiare.

Tempo di preparazione: 3 ore circa

Risultato: morbidi e saporiti, questi filoncini-pretzel secondo me sono ottimi mangiati da soli o accompagnati. La striscia bianca si forma naturalmente quando il pane si allarga a contatto con l’acqua dopo la lievitazione e tende ad allargarsi ancora in cottura dentro il forno.

Variante: da ignorante consapevole di esserlo io ho provato pure a non mettere bicarbonato nell’acqua e funziona lo stesso. Il filoncino potrebbe sfaldarsi perché il bicarbonato aiuta a gonfiare la pasta e potrebbe essere meno lucido per cui siccome non costa nulla, mettetelo! 😀

Variante 2: potete aromatizzarli con semi di papavero, pepe bianco, zenzero o come vi piace per una variazione sul tema.

Consiglio: vanno conservati in buste di carta o di tessuto mai nelle scatole chiuse ermeticamente perché si seccano eccessivamente.

Se ti piace questo articolo condividilo!

Categorie: Ricette, Ricette piatti unici
Articolo scritto da Veruska Anconitano aka La Cuochina Sopraffina

Categorie

Iscriviti alla newsletter e ricevi contenuti esclusivi via email

Socializziamo

Articoli più popolari

Pinsa romana: ricetta, impasto e informazioni
Torta di mele ricetta classica della nonna
Pancakes proteici ricetta facile e veloce
Limoncello Ricetta Perfetta
Ricetta Cheesecake Philadelphia Fredda
Pasta al Forno Ricetta Classica Semplice
Pasta al Forno Bianca Ricetta Veloce Cremosa
Dove mangiare a Roma tipico
Besciamella ricetta veloce e semplice
Gnocchi alla romana ricetta originale
Ricetta Torta al Limone e Mandorle
Cremor tartaro, cos'è, come si usa
Ricetta Biscotti di Pasqua Decorati
Ricetta Biscotti Semplici e Veloci
Ricetta Castagnole Morbide Fritte e al Forno
Ricetta pane fatto in casa
Ricetta Cheesecake Arcobaleno Fredda
Peso alimenti crudi e cotti: la guida con la tabella completa
Amatriciana ricetta originale di Amatrice
Bucarest cosa vedere e dove mangiare
Pancakes ricetta originale americana
Pasta alla carbonara, ricetta originale
Organizzare un viaggio in Irlanda: consigli e dritte imperdibili
Frittelle dolci veloci e semplici senza lievitazione
Tiramisù ricetta originale della nonna
Gnocchi di patate fatti in casa ricetta della nonna
Ricetta Spaghetti Cacio e Pepe Originale Romana
Tabella conversione unità di misura americane in cucina
Pizza napoletana ricetta originale semplice
Come fare la focaccia genovese a casa con la ricetta originale
La ricetta facile e veloce dei muffin al cioccolato
Crostata di frutta fresca con crema pasticcera
Ricetta pasta frolla originale della nonna
Ricetta crema pasticcera classica
Supplì di riso, ricetta originale da Roma
Polpette alla romana al sugo, ecco la ricetta
Ricetta crepes dolci e salate
Questo sito usa cookies. Visitandolo accetti la Privacy / Cookie policy