Home
Facebook Instagram Newsletter

Zuppa di cozze napoletana pasquale e non solo

La zuppa di cozze napoletana fa parte delle tante ricette che si preparano in questo periodo se si seguono le tradizioni ed è una delle ricette che, nonostante richieda parecchio tempo, è un piacere sia mangiare che preparare.

La zupp’ ‘e cozzeche si mangia soprattutto il Giovedì e il Venerdì Santo proprio perché durante questi due giorni se si è credenti non si può toccare carne e quindi il pesce la sostituisce egregiamente e in maniera perfetta visto che questa zuppa è davvero davvero ricca e gustosa.

L’ammontare di olio/pomodoro è molto soggettivo, c’è chi bagna solo le cozze e i pesci e chi invece ce li tuffa dentro per permettere una scarpetta davvero di prima classe.

Zuppa di cozze napoletana: ingredienti 4 porzioni abbondanti

1 polpo da 1.5 kg (netti)
2 kg kg di cozze (netti
freselle/pane secco (GF per celiaci)
1/2 litro di olio
3 spicchi d’aglio grandi
160 grammi di passata di pomodoro
peperoncino fresco (2 per i miei gusti)

Zuppa di cozze napoletana: ricetta

  1. Preparare l’olio piccante schiacciando l’aglio e facendolo bollire nell’olio. Versare nell’olio il pomodoro e il peperoncino aperto tagliato a rondelline e lasciar cuocere fin quando il pomodoro non si deposita sul fondo della padella e l’olio sale in superficie. Filtrare per dividere pomodoro e olio e mettere da parte. Dovrebbero bastare 20 minuti circa.
  2. Nel frattempo lessare il polpo e lasciarlo raffreddare nell’acqua di cottura. Tagliarlo a pezzettini, metterlo in una ciotola e coprirlo con l’olio piccante. NON buttare l’acqua di cottura del polpo.
  3. Lavare per bene le cozze e cuocerle in una padella molto grande a fiamma media fin quando non si aprono per bene. Toglierle dalla pentola senza buttare l’acqua di cottura.
  4. Filtrare l’acqua di cottura del polpo e quella delle cozze e portare a bollore metà acqua di cottura del polpo con metà dell’acqua di cottura delle cozze.
  5. Distribuire le cozze sul fondo dei piatti e bagnarle con l’acqua bollente, condire con l’olio/pomodoro piccante, adagiare i pesci e aggiungere altro olio/pomodoro piccante a piacere.

Tempo di preparazione: 1.30 h

Risultato: è buona, ma proprio tanto tanto tanto. I pesci sono l’ingrediente fondamentale ma la presenza del pane è quell’elemento aggiuntivo che fa la differenza.

Variante: si possono aggiungere tutti i pesci che si vuole, non esiste una regola precisa. C’è chi usa solo polpo e vongole e chi aggiunge altri pesci più o meno piccoli come le lumachelle.

Consiglio: va preparata e mangiata ma l’olio piccante si può preparare in anticipo e conservare in frigorifero perché resta buono per almeno 1 mese.

Articolo scritto da Veruska Anconitano aka La Cuochina Sopraffina. Se vuoi più informazioni contattaci.

Se ti piace questo articolo condividilo!
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Pinterest
130 persone hanno votato, media voti: 4.52. Vota anche tu!

Iscriviti alla newsletter e ricevi contenuti esclusivi via email

Questo sito usa cookies. Visitandolo accetti la Privacy / Cookie policy