Home
Facebook Instagram Newsletter

Xantano, cos’è e come si usa per la cucina senza glutine

Black bowl measuring scoops and spoon with powder sugar on pink background, top view

Lo Xantano è la misteriosa polvere di cui ti voglio parlare, una polveretta che, anche se all’inizio pensavo avesse a che fare con i cinesi, in realtà con la Cina non c’entra nulla nonostante il nome. Lo Xantano è un prezioso alleato di chi cucina senza glutine perché è di fatto uno degli ingredienti in grado di rendere collosa la farina proprio come fa il glutine di natura. Quello che manca alle farine senza glutine è proprio la colla (il glutine, basta questa parola!) ed è per questo che se si impasta con farina GF non è difficile ritrovarsi l’impasto tutto sbriciolato e duro, difficilissimo da lavorare anche se magari si è utilizzato il quantitativo di acqua previsto dalla ricetta.

Lo Xantano è una una gomma naturale polverizzata e se ne usa pochissima perché il suo scopo è solo di rendere l’impasto morbido e lavorabile: in genere si calcola 6 grammi di Xantano per 250 grammi di farina naturale GF di qualunque tipo.

Si compra in farmacia (o negli ingrossi alimentari molto molto forniti che vendono anche al dettaglio) e viene riconosciuto grazie alla sigla E415: solitamente la farmacia che lo vende lo deve prendere dai magazzini e questo vuol dire che il povero acquirente è costretto a comprarne quantitativi incredibili che utilizzerà per tempo immemore.

In Italia mi dicono sia poco utilizzato (perché si preferiscono i mix per farine senza glutine già pronti) e quindi molto costoso e sono molti quelli che lo sconsigliano sostenendo che se non viene lavorato in appositi ambiente perde il suo potere: vi assicuro che io, che sono una capra, lo utilizzo semplicemente unendolo alle farine come faccio con il lievito in polvere e senza lavorarlo in chissà che ambienti e usando chissà che attrezzature e il risultato è soddisfacente, molto.

Lo uso molto sia negli impasti “duri” tipo pizza, pane, frolle e paste secche in generale perché aiuta molto a compattare e rendere le basi belle stabili mentre nei dolci tendo ad utilizzarlo con parsimonia e specialmente nei lievitati dove grazie al suo potere “incollante” li rende anche molto morbidi.

Se non lo trovate in farmacia e non avete modo di reperirlo altrove, vi consiglio di dare uno sguardo su Amazon dove si trovano diverse tipologie di xantano, tutte a prezzi molto buoni; io di solito utilizzo Doves che potete trovare qui.

Lo Xantano non ha grosse controindicazioni se non che se viene consumato ad alte dosi puo’ provocare flatulenza e gonfiore perché essendo un polisaccaride non viene digerito.

Se ti piace questo articolo condividilo!
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Pinterest
Informazioni sull'autore
Veruska Anconitano
Veruska lavora come SEO Manager e Localization Project Manager. E' anche una giornalista iscritta all'ODG, premiata come World Best Food Travel Journalist e membro della British Guild of Travel Writers. E' diplomata come sommelier. E' la co-fondatrice di TheFoodellers e di altri siti.
Website Linkedin Twitter
151 persone hanno votato, media voti: 4.56. Vota anche tu!

Iscriviti alla newsletter e ricevi contenuti esclusivi via email

Ho letto e accettato la privacy policy.

Questo sito usa cookies. Visitandolo accetti la Privacy / Cookie policy