Home
Facebook Instagram Newsletter

Pollo al latte di cocco e curry, la ricetta che sa di Oriente

Questo è un piatto che piace molto o che si detesta parecchio, voglio mettervi subito in guardia: perchè quando parliamo di curry, aromi e spezie che non fanno parte della nostra cultura, sapori “diversi”, le reazioni possono essere variegate. A me piace molto. Ma molto molto molto. Pollo al latte di cocco e curry. E no, non fate la faccia schifata perchè la foto non rende! 🙂

La ricetta, a differenza di quel che sembra, è di una banalità incredibile perchè come vi avevo spiegato qua quello che fa la differenza nella cucina Thai è l’unione dei sapori e l’utilizzo di ingredienti di prima qualità, in grado da soli di “fare il piatto”; è la variante veloce del pollo al curry indiano e mantiene lo stesso sapore con la differenza che la pasta di curry lo rende ancora più particolare rispetto alla polvere.

Per prepararla utilizzo solitamente della pasta di curry verde (banalmente una Green Red Curry paste, se per caso vi capita di cercarla nei negozi orientali, che è anche la più bilanciata a livello di sapori) perchè credo sia meglio del curry in polvere CHE comunque non è male, assolutamente. Quindi se non trovata la pasta di curry o vi rompe comprarla perchè non la utilizzate molto, usate pure del curry in polvere.

E’ anche una ricetta senza glutine (come molte ricette orientali) ed è anche una di quelle ricette che fa figura quando la porti a tavola perchè tutti credono ci voglia chissà quanto per prepararla! 😉

Cosa serve per 2 porzioni
400 grammi di petto di pollo
1/2 lattina di latte di cocco (150/175 ml)
1 cucchiaio di pasta di curry
Farina di riso
3 cucchiai di olio di semi (io uso soia di solito)
Sale
1/2 limone

Come si fa
1. Tagliare il petto di pollo a dadini non troppo piccoli e aprire il latte di cocco in modo che a contatto con l’aria perda parte del suo sapore forte.
2. Versare la farina in una ciotola e condirla con del sale quindi prendere i petti di pollo e passarli nella farina coprendoli del tutto.
3. Versare l’olio in una padella antiaderente (o in un wok) e farlo riscaldare quindi una volta pronto adagiare piano il petto di pollo e farlo rosolare per bene senza farlo bruciare aggiungendo il succo di limone quasi a fine rosolatura per far caramellare.
4. Una volta rosolato versare il latte di cocco e cuocere a fiamma media fin quando il latte non inizia a ritirarsi e a formare una cremina omogenea.
5. Quando il latte ha formato la crema (color ambrato), versare la pasta di curry nella padella e mescolare energicamente in modo che le due creme si amalghimino per bene. Togliere dal fuoco prima che la crema si secchi e servire immediatamente con del riso bianco oppure, come piace a me, senza niente. Spruzzare altro succo di limone a piacere.

Tempo di preparazione: 15 minuti

Risultato: la combinazione dolce/piccante è favolosa e si sposa benissimo con la morbidezza del pollo che, cotto praticamente due volte, in bocca si scioglie quasi.

Variante: se usate il curry in polvere vi consiglio di mescolarlo direttamente al latte di cocco per evitare che restino residui sabbiosi nel piatto.

Variante 2: al posto del latte di cocco, se temete non vi piaccia oppure sapete già che non vi piace, potete usare latte normale o anche latte di soia se siete intolleranti.

Consiglio: questo non è un piatto che si conserva ma va preparato e mangiato altrimenti in primis perde sapore e poi si induriscono sia il pollo che la crema e riscaldandoli il risultato è davvero pessimo.

Postillina: la proporzione tra latte e curry è sbilanciata perchè io preferisco che la crema sia più bianca e più lattosa però chiaramente potete modificarla a piacere aggiungendo meno latte e più curry o ancora più latte e ancora meno curry secondo i vostri gusti!

Se ti piace questo articolo condividilo!
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Pinterest
Informazioni sull'autore
Veruska Anconitano
Veruska è una giornalista di viaggi enogastronomici premiata come Best Food Travel Journalist. Sommelier, oltre a cucinare e viaggiare è spesso chiamata a raccontare la sua esperienza durante eventi e seminari.
Website Linkedin Twitter
150 persone hanno votato, media voti: 4.51. Vota anche tu!

Iscriviti alla newsletter e ricevi contenuti esclusivi via email

Questo sito usa cookies. Visitandolo accetti la Privacy / Cookie policy