Home
Facebook Instagram Newsletter

Sartù di Riso Napoletano

Cosa c’è di più bello e interessante dell’andare alla ricerca delle ricette classiche della tradizione, specie quelle che ormai sono pochi a preparare perché magari troppo dispendiose di tempo ed energie? E’ il caso del sartù di riso, ricetta napoletana tradizionale che rappresenta uno dei baluardi della cucina mediterranea e che oggi si prepara sempre meno.

Nome derivato dal francese sour tout, il sartù risale a circa il 1700 e con il tempo è diventato uno dei piatti più amati della cucina napoletana; come tutte le ricette che si rispettano, anche questa varia da famiglia a famiglia ma ci sono degli ingredienti che si ripetono praticamente sempre ovvero riso, piselli, polpettine e uova.

Non è la ricetta più veloce che si può preparare ma è una ricetta che soddisfa sia nella preparazione che quando la si mangia; in più il sartù si conserva benissimo e diventa quasi più buono il giorno dopo, candidandosi a riempire i contenitori di chi pranza in ufficio e scavalcando qualsiasi altra preparazione.

Ingredienti per 1 sartù da 20 cm

  • Per la base
  • 700 grammi di riso (meglio se varietà Roma)
  • Pangrattato q.b.
  • Burro

Per il ripieno

  • 200 grammi di mozzarella sgocciolata
  • 3 uova sode
  • 200 grammi di piselli lessati
  • 150 grammi di parmigiano

Per le polpette

  • 80 grammi di pane raffermo ammorbidito in acqua e strizzato
  • 150 grammi di carne macinata di vitello
  • 1 uovo
  • parmigiano q.b.
  • prezzemolo q.b.
  • Olio extra vergine di oliva

Per il ragù

  • 1 litro di passata di pomodoro
  • 1/2 cipolla tritata finemente
  • 300 grammi di carne macinata di vitello
  • Olio extra vergine di oliva
  • Sale q.b.

Procedimento

  1. Preparare il ragù facendo soffriggere la cipolla quindi, una volta morbida, aggiungere il ragù e lasciar andare per qualche minuto. Aggiungere la passata di pomodoro, aggiustare di sale e lasciar cuocere fin quando la salsa non si sarà ristretta facendo attenzione a non far bruciare nulla (se necessario aggiungere acqua calda al bisogno).
  2. Preparare delle polpettine piccole mescolando tutti gli ingredienti e friggerle in olio extra vergine di oliva, mettendole a scolare su carta assorbente.
  3. Preparare il risotto al pomodoro: per prima cosa tostare il riso in poco olio quindi coprirlo con il ragù e aggiungere acqua calda per evitare che si secchi. Lasciar cuocere il risotto sempre mescolando.
  4. Tagliare a fettine la mozzarella e le uova sode e oliare una tortiera da ciambella o uno stampo normale con i bordi abbastanza alti quindi cospargerla di pangrattato.
  5. Adagiare sul fondo della teglia uno strato di riso quindi sistemare anche tutti gli ingredienti e aggiungere uno strato di parmigiano. Coprire con il restante riso, schiacciare con un cucchiaio per farlo aderire per bene al ripieno e cospargere la superficie con pangrattato e qualche ricciolo di burro che servirà per evitare che il pangrattato si secchi e si bruci.
  6. Cuocere il sartù di riso in forno caldo a 180° per 30 minuti circa quindi lasciarlo intiepidire dentro il forno spento e, una volta fermo, ricavare le fettine da servire a tavola avendo l’accortezza di bagnare un coltello e passarlo sui bordi in modo che il sartù non perda la sua forma.

tempistiche

Tempo di preparazione: 4 ore

Tempo di cottura: 2 ore

Tempo totale: 6 ore

Sartù di Riso Napoletano: Consigli e Suggerimenti

  • Il sartù può essere riposto in frigorifero e riscaldato in forno all’occorrenza. Può anche essere congelato e riscaldato dopo essere stato scongelato per bene in frigorifero;
  • Si possono usare tagli di carne diversi per il ragù che possono contribuire ad un sugo più corposo e saporito;
  • Tradizionalmente il sartù di riso si prepara nello stampo a ciambella, ma non si tratta di una prerogativa necessaria.
  • Per preparare il sartù di riso in bianco, eliminare il ragù e seguire lo stesso procedimento: a risaltare saranno i formaggi, che diventeranno l’elemento centrale di questa ricetta;
  • Per preparare un sartù vegetariano, basta usare verdure di stagione da cuocere nel sugo. Il resto della preparazione segue la ricetta classica.
  • Il riso migliore per la preparazione di un vero sartù napoletano è l’Arborio o il Carnaroli: entrambi tengono benissimo la cottura e non si sfaldano, neanche se cotti a lungo e, come in questo caso, ripassati in forno.

Se ti piace questo articolo condividilo!
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Pinterest
Informazioni sull'autore
Veruska Anconitano
Veruska lavora come SEO Manager e Localization Project Manager. E' anche una giornalista iscritta all'ODG, premiata come World Best Food Travel Journalist e membro della British Guild of Travel Writers. E' diplomata come sommelier. E' la co-fondatrice di TheFoodellers e di altri siti.
Website Linkedin Twitter
150 persone hanno votato, media voti: 4.50. Vota anche tu!

Iscriviti alla newsletter e ricevi contenuti esclusivi via email

Ho letto e accettato la privacy policy.

Questo sito usa cookies. Visitandolo accetti la Privacy / Cookie policy