Come sterilizzare i barattoli per le marmellate a casa

Se ti piace questo articolo condividilo!

La sterilizzazione dei barattoli per le marmellate, le conserve e qualsiasi altro tipo di verdura sott’olio è un’operazione abbastanza semplice ma deve essere praticata con accortezza per evitare che il contenuto del vasetto vada a male dopo poche settimane. Esistono diverse tecniche per sterilizzare i vasetti e i barattoli in vetro e tutti garantiscono lo stesso risultato anche se qualcuno è più dispendioso di tempo rispetto ad altri.

Perché i barattoli di vetro vanno sterilizzati?

Un barattolo sterilizzato permette la rimozione di funghi, spore e batteri che non solo possono compromettere la qualità del contenuto ma anche far male alla salute. Per esempio il famoso botulino, nome completo Clostridium botulinum, è sempre dietro l’angolo quando si invasano conserve, marmellate e prodotti di qualsiasi tipo e l’unico modo per sconfiggerlo è abbatterlo con il vapore.

Quali sono le accortezze per sterilizzare i barattoli?

La prima cosa da fare è lavare per bene i vasetti con acqua e sapone per evitare cattivi odori; ovviamente il risciacquo deve essere perfetto altrimenti i barattoli avranno uno spiacevole odore e sapore di detersivo per i piatti.
Inoltre è necessario, sempre e comunque, utilizzare vasetti senza un minimo di crepa o qualsiasi danno, anche i meno visibili o quelli che ci sembrano insignificanti perché anche la minima crepa può far penetrare dei microorganismi che possono danneggiare noi e il nostro prodotto.
E’ buona norma usare sempre coperchi nuovi così da permettere un sottovuoto corretto e cambiare le guarnizioni dei barattoli in modo che l’ambiente che si viene a creare non possa essere danneggiato da agenti esterni.

Sterilizzazione dei barattoli: i 4 modi per farla a casa

Sterilizzare i barattoli in pentola

Sistemare sul fondo di una pentola abbastanza alta uno strofinaccio pulito di cotone e appoggiare sopra i barattoli con l’apertura verso l’alto avvolti anche loro in strofinacci, singolarmente. Se sono da sterilizzare più barattoli aggiungere un altro strofinaccio sui barattoli già sistemati e appoggiare su questo gli altri. Coprire con acqua fredda e portare ad ebollizione a fiamma alta quindi lasciar sobbollire a fiamma media per 30 minuti circa. I coperchi vanno aggiunti a circa 10 minuti dalla fine. Trascorso il tempo stabilito, lasciar raffreddare i barattoli nella pentola con tutta l’acqua quindi tirarli fuori e lasciarli asciugare con l’apertura verso il basso. Prima di usarli capovolgerli in modo che il vapore e l’acqua residui evaporino.

Sterilizzare i barattoli in lavastoviglie

Mettete i barattoli e i coperchi dentro la lavastoviglie con l’apertura verso il basso e selezionare un lavaggio ad alta temperatura, ovviamente senza sapone. Lasciar raffreddare e asciugare i barattoli direttamente in lavastoviglie quindi prima di usarli capovolgerli in modo che il vapore e l’acqua residui evaporino.

Sterilizzare i barattoli in forno

Disporre i vasetti con l’apertura verso l’alto su una placca e sistemarli nel forno. Accendere il forno a portarlo a 150° così che il vetro, una volta a contatto con il calore, non si rompa. Lasciare i barattoli in forno per almeno 15 minuti quindi spegnere il forno, aggiungere anche i coperchi usando un’altra placca e lasciar raffreddare a forno chiuso.

Sterilizzare i barattoli al microonde

Riempire i vasetti con l’acqua arrivando a metà dell’altezza e sistemarli nel microonde senza tappi. Scaldare fino all’ebollizione quindi togliere i vasetti dal microonde, buttare l’acqua e farli asciugare su uno strofinaccio di cotone, capovolti. I coperchi non possono essere sterilizzati al microonde.

Come sterilizzare i barattoli pieni

Per vasetti contenenti marmellata, conserva di pomodoro o salse varie la sterilizzazione segue le stesse regole di quella in pentola per i barattoli vuoti con l’unica differenza che la bollitura dura come minimo 1 ora e un massimo di 2 ore se i vasetti sono grandi.

Scarica questa scheda e attaccala al tuo quaderno delle ricette:

Se ti piace questo articolo condividilo!

Categorie: Scuola di cucina, Trucchi e consigli
Articolo scritto da Veruska Anconitano aka La Cuochina Sopraffina

Categorie

Iscriviti alla newsletter e ricevi contenuti esclusivi via email

Articoli più popolari

Crema Pasticcera Ricetta Classica
Muffin al cioccolato ricetta facile e veloce
Ricetta Cheesecake Philadelphia Fredda
Amatriciana ricetta originale di Amatrice
Pancakes ricetta originale americana
Pasta Frolla Ricetta Originale e Semplice della Nonna
Pizza napoletana fatta in casa ricetta
Pinsa romana: ricetta, impasto e informazioni
Torta di Mele Ricetta Classica della Nonna
Pancakes proteici ricetta facile e veloce
Limoncello Ricetta Perfetta
Pasta al Forno Ricetta Classica Semplice
Pasta al Forno Bianca Ricetta Veloce Cremosa
Dove mangiare a Roma tipico
Besciamella ricetta veloce e semplice
Gnocchi alla romana ricetta originale
Ricetta Torta al Limone e Mandorle
Cremor tartaro, cos'è, come si usa
Ricetta Biscotti di Pasqua Decorati
Ricetta Biscotti Semplici e Veloci
Ricetta Castagnole Morbide Fritte e al Forno
Ricetta pane fatto in casa
Ricetta Cheesecake Arcobaleno Fredda
Peso alimenti crudi e cotti: la guida con la tabella completa
Bucarest cosa vedere e dove mangiare
Pasta alla carbonara, ricetta originale
Organizzare un viaggio in Irlanda: consigli e dritte imperdibili
Frittelle dolci veloci e semplici senza lievitazione
Tiramisù ricetta originale della nonna
Gnocchi di patate fatti in casa ricetta della nonna
Ricetta Spaghetti Cacio e Pepe Originale Romana
Tabella conversione unità di misura americane in cucina
Come fare la focaccia genovese a casa con la ricetta originale
Crostata di frutta fresca con crema pasticcera
Supplì di riso, ricetta originale da Roma
Polpette alla romana al sugo, ecco la ricetta
Ricetta crepes dolci e salate
Questo sito usa cookies. Visitandolo accetti la Privacy / Cookie policy