Home
Facebook Instagram Newsletter

Come fare la pasta frolla senza uova e senza burro

Sembra impossibile ma non lo è: preparare la pasta frolla senza uova è esattamente uguale a preparare la frolla classica e il risultato non solo non è pessimo come si crede ma anzi è anche migliore se pensiamo che la frolla senza uova è più friabile e soprattutto più digeribile. L’idea di proporre la ricetta della frolla senza uova nasce dalla richiesta di una lettrice della Cuochina che, avendo un figlio intollerante alle uova, stava impazzendo per trovare una soluzione per far mangiare anche a lui una crostata di frutta.

La ricetta che ho io è stata personalmente testata per la preparazione di una crostata con marmellata e di una crostata con crema al cioccolato e, nonostante le aspettative fossero scarsissime, invece siamo rimasti tutti piacevolmente sorpresi; ovviamente la base non è giallognola come quella classica ma resta bianca per cui non vi spaventate se non prende il colore che siamo abituati ad attribuire alla frolla.

Cosa serve per 500 grammi di frolla
300 grammi di farina
100 grammi di zucchero
3/4 cucchiai di olio di semi
acqua a temperatura ambiente
un pizzico di sale
250 grammi di fecola di patate

Come si fa
1. Setacciare farina e fecola e metterle in una ciotola creando il tipico buco in mezzo all’interno del quale versare tutti gli altri ingredienti.
2. Aggiungere acqua a temperatura ambiente in quantità tale da riuscire a lavorare per bene gli ingredienti dando vita ad un composto liscio e compatto.
3. Impastare e formare una palla da mettere a riposare coperta da pellicola trasparente per 30 minuti circa in frigorifero.
4. Trascorsa l’ora stenderla con il mattarello e usarla come meglio si crede.

Tempo di preparazione: 45 minuti

Risultato: più friabile e più digeribile di quella con le uova, questa frolla senza uova e senza burro è più leggera ma allo stesso tempo saporita allo stesso modo. La presenza di acqua come elemento liquido aiuta a compattare gli ingredienti anche se la fase di impasto dura di più rispetto al normale.

Variante: esattamente come per la frolla classica si può usare il salvifico robot da cucina con impastatrice in modo da evitare di spezzarsi le mani e che il composto finale non sia amalgamato come dovrebbe.

Consiglio: la frolla necessita di freddo quindi, come per quella classica, utilizzate una ciotola raffreddata e abbiate cura di avere le mani fredde o comunque non bollenti altrimenti si spezzerà tutto. In base alla farina utilizzata potrebbero essere necessari più cucchiai di olio e l’acqua va dosata in base alla durezza della farina in quanto è necessario che il composto sia lavorabile e molle e dunque regolatevi voi con la quantità.

Postillina: al posto delle uova si usa la fecola di patate che fa da legante allo stesso modo in cui farebbe l’uovo pur non possedendo le stesse caratteristiche “grasse”. Il conservamento è identico a quello della frolla normale e anche la cottura resta uguale.

Postillina: qualcuno mi ha scritto dicendo che la frolla è troppo dura. Il problema è che questa frolla-non frolla va dosata in base alla farina che si usa e alla sua durezza quindi va modellata “a tatto” sperimentando. Se necessario usate piu’ olio e piu’ acqua al bisogno oppure aggiungete un cucchiaino di zucchero o di malto per alleggerirla. Ricordate inoltre che va lavorata a freddo anche se non c’è burro ma se avete un frigo forte tenetela in frigo meno di 1 ora regolandovi di conseguenza. E’ assolutamente un esperimento empirico!

Se ti piace questo articolo condividilo!
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Pinterest
Informazioni sull'autore
Veruska Anconitano
Veruska è content marketer e digital strategist. E' anche una giornalista iscritta all'ODG, premiata come World Best Food Travel Journalist e membro della British Guild of Travel Writers. E' diplomata come sommelier. E' la co-fondatrice di TheFoodellers e di altri siti.
Website Linkedin Twitter
150 persone hanno votato, media voti: 4.53. Vota anche tu!

Iscriviti alla newsletter e ricevi contenuti esclusivi via email

Questo sito usa cookies. Visitandolo accetti la Privacy / Cookie policy