Home
Facebook Instagram Newsletter

Agnello al forno per la Pasqua e la primavera

L’agnello al forno è una classica preparazione pasquale e primaverile) che rende omaggio alla tradizione italiana e si prepara, in varianti diverse, in tutta Italia il giorno di Pasqua o per Pasquetta.

Molto simile all’abbacchio al forno alla romana, l’agnello al forno si caratterizza per l’assenza di salsa e la presenza, di solito, di patate che vengono cotte insieme alla carne per un sapore deciso e particolare.

Va tenuto a mente che l’agnello per essere buono deve essere morbido e dunque giovane altrimenti in cottura diventerà troppo duro e difficile da mangiare e anche cucinare; per un risultato ancora più buono, io consiglio di mettere in ammollo l’agnello per almeno 10-12 ore in una soluzione di acqua e aceto in modo che perda il sapore e anche l’odore forte ma se questo non è possibile basta sciacquarlo per bene sotto l’acqua e marinarlo.

Questa ricetta prevede che l’agnello venga marinato così da togliere il sapore e l’odore forti; la marinatura può essere protratta per quanto tempo si vuole arrivando anche alle 12 ore. Ti ricordo che se ti avanza, puoi avanzarlo in una ciotola senza olio e riscaldarlo in forno con poco olio o in padella con poca acqua.

Ingredienti per 4 persone

  • 1 Kg di agnello
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • Rosmarino fresco
  • Sale
  • Pepe
  • Olio extravergine di oliva

Procedimento

  1. Tagliare l’agnello a pezzi o usare la coscia. Lavarlo per bene e asciugarlo.
  2. Sistemare l’agnello dentro una ciotola grande e marinatelo in aglio, rosmarino, sale, pepe e vino rosso. Lasciarlo marinare per almeno 1 ora.
  3. Una volta trascorsa l’ora trasferirlo in una teglia da forno capiente con tutta la marinatura. Se previste, aggiungere le patate tagliate a dadi e irrorare con poco olio extravergine di oliva.
  4. Infornare a 180°C per 20-30 minuti girando a metà cottura. Servire caldo.

Tempo di preparazione: 2 ore

 

Articolo scritto da Veruska Anconitano aka La Cuochina Sopraffina. Se vuoi più informazioni contattaci.

Se ti piace questo articolo condividilo!
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Pinterest
118 persone hanno votato, media voti: 4.47. Vota anche tu!

Iscriviti alla newsletter e ricevi contenuti esclusivi via email

Questo sito usa cookies. Visitandolo accetti la Privacy / Cookie policy