Castagne: caratteristiche nutritive, proprietà e benefici

Se ti piace questo articolo condividilo!

Siccome il freddo è arrivato e c’è chi ha già iniziato a portare dentro la legna per il caminetto e a tirare fuori la pentola bucata per le caldarroste, quale migliore Rosanna Lambertucci chi se non quello dedicato alle castagne, frutto di stagione che si ama o si odia e che soprattutto si può preparare in svariati modi nonostante alla fine ne prevalgano quasi sempre solo due, lesse o arrostite. Io sono tra quelle che si ferma al primo metodo e nonostante la buona volontà non vado mai oltre ma le castagne sono tra i frutti più completi in assoluto.

STAGIONALITA’: il periodo migliore per le castagne va da inizio ottobre a inizio dicembre e novembre rappresenta il momento di massimo splendore per questo frutto dal momento che si trovano in giro sia i marroni, ovvero i frutti dei castagni coltivati, che le castagne vere e proprie, ovvero i frutti dell’albero selvatico.

ACQUISTO: la buccia deve essere integra, senza ammaccature e senza buchetti. Il colore deve essere brillante e soprattutto toccandole non si devono sentire buchi.

CONSERVAZIONE: se acquistate al supermercato, possono essere conservate per qualche mese così come sono togliendole dalla busta. Se invece vengono acquistate da un coltivatore diretto, è bene metterle a bagno per 2 giorni quindi asciugarle per bene e lasciarle in un luogo asciutto e pulito (un cestino è perfetto!) anche per 3 mesi.

PREPARAZIONE e UTILIZZO IN CUCINA: possono essere bollite o arrostite ma vengono anche utilizzate per la preparazione di marmellate e creme così come, secche e triturate, per la preparazione della farina apposita. Si possono mangiare anche crude, senza buccia ovviamente 😀

PROPRIETA’: le castagne sono ricche di acqua ma anche di sali minerali, vitamine, minerali di vario tipo (sodio, fosforo, zolfo, etc) e di ferro. Le vitamine B1, B2, C e PP sono presenti in quantità molto elevate.

BENEFICI: la castagna non è un frutto leggero ma è indicato per chi soffre di anemia, inappetenza e magrezza. Chi ha problemi di digestione e intestinali può integrare la dieta con le castagne per via del loro potere lassativo. La farina di castagne è utilissima per i malati di celiachia.

CONTROINDICAZIONI: abbastanza pesanti, le castagne possono portare problemi a chi soffre di problemi allo stomaco e all’intestino perchè difficilmente digeribili. Chi soffre di colite, aria nello stomaco e acne deve evitare di mangiare castagne anche in minime quantità.

Se ti piace questo articolo condividilo!

Categorie: Scuola di cucina
Articolo scritto da Veruska Anconitano aka La Cuochina Sopraffina

Categorie

Iscriviti alla newsletter e ricevi contenuti esclusivi via email

Articoli più popolari

Pinsa romana: ricetta, impasto e informazioni
Torta di mele ricetta classica della nonna
Pancakes proteici ricetta facile e veloce
Limoncello Ricetta Perfetta
Ricetta Cheesecake Philadelphia Fredda
Pasta al Forno Ricetta Classica Semplice
Pasta al Forno Bianca Ricetta Veloce Cremosa
Dove mangiare a Roma tipico
Besciamella ricetta veloce e semplice
Gnocchi alla romana ricetta originale
Ricetta Torta al Limone e Mandorle
Cremor tartaro, cos'è, come si usa
Ricetta Biscotti di Pasqua Decorati
Ricetta Biscotti Semplici e Veloci
Ricetta Castagnole Morbide Fritte e al Forno
Ricetta pane fatto in casa
Ricetta Cheesecake Arcobaleno Fredda
Peso alimenti crudi e cotti: la guida con la tabella completa
Amatriciana ricetta originale di Amatrice
Bucarest cosa vedere e dove mangiare
Pancakes ricetta originale americana
Pasta alla carbonara, ricetta originale
Organizzare un viaggio in Irlanda: consigli e dritte imperdibili
Frittelle dolci veloci e semplici senza lievitazione
Tiramisù ricetta originale della nonna
Gnocchi di patate fatti in casa ricetta della nonna
Ricetta Spaghetti Cacio e Pepe Originale Romana
Tabella conversione unità di misura americane in cucina
Pizza napoletana ricetta originale semplice
Come fare la focaccia genovese a casa con la ricetta originale
La ricetta facile e veloce dei muffin al cioccolato
Crostata di frutta fresca con crema pasticcera
Ricetta pasta frolla originale della nonna
Ricetta crema pasticcera classica
Supplì di riso, ricetta originale da Roma
Polpette alla romana al sugo, ecco la ricetta
Ricetta crepes dolci e salate
Questo sito usa cookies. Visitandolo accetti la Privacy / Cookie policy